BEE YOGA….CONIGLI PER L’AUTUNNO
dal 21/9 al 21/12
L’autunno è una stagione di transizione che ci aiuta ad allontanarci dall’abbondanza dell’estate, e ad abituarci al freddo e silenzioso inverno.

Così come gli alberi lasciano andare le foglie, che cadono al suolo per tornare a nuova vita, anche noi possiamo approfittare dell’autunno per lasciare andare le rigidità nel corpo, e per abbandonare i pensieri che non hanno più motivo di esistere dentro di noi.

E’ un periodo dell’anno straordinario per creare spazio per nuove idee, nuove sensazioni, nuove prospettive.


Secondo l’ayurveda (l’antica medicina tradizionale indiana che è, per così dire, sorella dello yoga), ad ogni stagione vengono associate determinate caratteristiche o elementi chiamati dosha.(VATA-PITTA-KAPHA)


In particolare, nei mesi autunnali,  predomina l’elemento Vata, ovvero l’elemento costituito da etere ed aria, e che ha le caratteristiche di leggerezza, spazio, trasparenza e instabilità.


EFFETTI DI VATA SUL CORPO E SULLA MENTE
SENSAZIONI DI SRADICAMENTO
PERDITA DI PUNTI DI RIFERIMENTO
DIFFICOLTA’ DI CONCENTRAZIONE

STITICHEZZA
GONFIORI
INSONNIA
DISTURBI VIE RESPIRATORIE

Non a caso, questa stagione è associata agli organi di eliminazione, come i polmoni, l’intestino crasso e la cute.

COME CI PUO' AIUTARE LO YOGA


Attraverso gli asana (posizioni yoga) e le pratiche di respirazione (tecniche di pranayama) viene stimolato il funzionamento dei polmoni, in questo modo si riducono i sintomi di allergie, il sangue viene purificato, la condizione della cute migliora, la vitalità e l’energia aumentano.

Scegliendo delle posizioni specifiche per l’autunno, (come quelle che faremo insieme a settembre ottobre novembre), è possibile migliorare la capacità dell’intestino crasso di eliminare ciò che non apporta nutrimento al corpo, e di migliorare l’assorbimento dei minerali.

Inoltre, poiché l’intestino è considerato il nostro secondo cervello, quando le sue funzionalità vanno al meglio, anche la mente diventa più chiara e attiva.

La stagione autunnale è caratterizzata dall’elemento Vata, che ha la caratteristica di rendere il corpo più rigido e le articolazioni sensibili

CHE ATTEGGIAMENTO AVERE NELLA PRATICA IN AUTUNNO?

In particolare, cerca di praticare con un ritmo graduale e costante, di prediligere una pratica rilassante e riscaldante.

Mentre ti muovi tra una posizione e l’altra, fai in modo di mantenere un respiro lento e regolare. Esplora la fluidità nel corpo praticando con dolcezza movimenti lenti e con l’idea di “lasciar andare”.

Proprio come un albero lascia andare le sue foglie per potersi rinnovare, prova a lasciare andare la perfezione nella pratica, o lascia andare la paura di sbagliare.

Abbandonati nella posizione.

Presta maggior attenzione all’ascolto del corpo, per ricercarne la fluidità piuttosto che alla fisicità della posizione.

SUGGERIMENTO
Un segreto per rendere la tua pratica ancora più “radicata” e bilanciare così l’energia di Vata che porta allo “sradicamento”, è iniziare la pratica con un piacevole e riscaldante massaggio ai piedi che ti aiuterà anche a migliorare la circolazione.
(olio di sesano,olio di mandorle,balsamo riscaldante zenzero e cardamomo)

ASANA -POSIZIONI
In autunno è consigliato praticare le posizioni che lavorano nelle zone del corpo dove si immagazzinano scorte ed eccessi di grassi, come il giro vita, i fianchi, i lati della schiena.

Inoltre, nei mesi autunnali sono ideali le posizioni che mirano a creare spazio nella cassa toracica, poiché ci aiutano ad utilizzare al massimo la capacità polmonare, ossigenando gli organi ed i tessuti, facendo entrare il nuovo ed uscire il vecchio.

In questo modo, tutte le zone critiche del corpo, come quelle che trattengono liquidi e impurità, vengono aperte e rilasciate, per dare tono, elasticità, vigore, forza.

Nelle lezioni del primo quadrimestre  approdondiremo le posizioni più adatte per questo periodo tra cui:

Posizione dell’albero (Vrksasana)
Questo asana di equilibrio aiuta a sviluppare la concentrazione, rinforza le gambe e, poiché stimola l’energia del Primo chakra (Muladhara), sviluppa il radicamento, portando equilibrio nell’elemento Vata.

Posizione della Locusta (Salabasana)

Questo asana è utile per rinforzare i muscoli della schiena, aiuta ad eliminare il grasso nel giro vita, fianchi e glutei.
Ottimo quindi per stimolare la circolazione nei punti critici del corpo e per lasciare andare gli accumuli in eccesso.

Posizione della Ghirlanda  (Malasana)
Malasana o posizione della ghirlanda, è super utile per stimolare l’attività intestinale, in quanto la compressione delle cosce contro l’addome massaggia il colon e favorisce la peristalsi.
Questo asana quindi aiuta a purificare l’intestino (organo associato all’autunno) e ad eliminare le tossine dal corpo.


PRANAYAMA
L’autunno è la stagione che più di tutte ha una stretta relazione con i polmoni.

Attraverso le posizioni di yoga, ed in particolar modo attraverso le tecniche di assorbimento dell’energia vitale, ovvero il Pranayama, chiamate anche tecniche di respirazione, possiamo riempire i polmoni di nuovo ossigeno, favorendo l’eliminazione delle tossine e garantendo un apporto ottimale di ossigeno a tutti gli organi e tessuti del corpo che si ricaricano di nuova energia.

In questa stagione dell’anno è particolarmente consigliata la Respirazione Ujjay, ovvero il respiro del vittorioso, in quanto è una tecnica straordinaria per generare calore e migliorare l’attenzione nella pratica.

Apprenderemo questa tecnica nelle lezioni del quadrimestre

Nella settimana dal 23 al 28 settembre apprenderemo il SALUTO ALL'AUTUNNO


MUDRA

Ksepana Mudra il gesto del Lasciare andare

(apprenderemo insieme il mudra durante le lezioni)


Ksepana Mudra viene tradotto come il gesto del versare e del lasciare andare e proprio questa è l’utilità della pratica di questo Mudra, che stimola tutti i processi di eliminazione del corpo, sia fisico che energetico.

Immaginate questa posizione delle mani come uno strumento che permette di “cambiare aria” proprio come si fa nelle stanze di casa per liberarsi dall’aria viziata e rinfrescare con aria nuova e fresca l’ambiente.

A livello fisico stimola tutti i processi di eliminazione delle tossine, come la ritenzione di liquidi, portando effetti positivi all’organismo intero, favorendo il processo di scambio e il riprodursi delle cellule del corpo.
Agisce sul respiro, rendendolo regolare e profondo, in questo caso permette ai polmoni di liberarsi di tutti i ristagni d’aria, per immagazzinare sempre aria fresca e pulita, oltre a eliminare le energie già bruciate.
Sul piano emozionale invece, è in grado di eliminare tutte le tensioni. Ci libera dalla spazzatura emotiva, che appesantisce il nostro umore, donando una sensazione di pace.
Rigenera quando, in mezzo a molta gente, sembra di assorbire parte della loro energia, non sempre positiva o in linea con le nostre vibrazioni.

BIJA MANTRA
LAM legato al chakra della radice (1 chakra muladhara)

3 ESERCIZI PER AUMENTARE RADICAMENTO
Li vedremo durante le sessioni del quadrimestre

ALTRE TECNICHE DI RADICAMENTO

Lavori manuali con la terra
Camminare a piedi nudi e percepire le sensazioni nei piedi a contatto con il suolo

ALIMENTAZIONE YOGA AUTUNNO


CIBI
CALDI
UMIDI
DI STAGIONE
MAGGIORE QUANTITA’ DI OLIO RISPETTO ALL’ESTATE
ZUPPE

IMPORTANTE
Dormire bene
Aiuta a rinforzare le difese immunitarie
Calma vata (che agita corpo e mente)

PURIFICAZIONE AYURVEDA
Al mattino a digiuno bere 1 bicchirere di acqua tiepida con mezzo limone spremuto
per favorire regolarità intestinale e rinforzare sistema immunitario

Usare il nettalingua per pulire la lingua prima di colazione
aiuta a eliminare la patina che si forma e le tossine che si depositano durante il sonno
altrimenti mangiando ritornano in circoolo

COSA MANGIARE
PERE COTTE CON SPEZIE E ERBE AROMATICHE per proteggere i polmoni
CACHI per sciogliere il catarro,rafforzare energia digestiva,per la tosse
MANDORLE per rafforzare i polmoni, per bilanciare i dosha
RADICE DI LOTO (in polvere) per i polmoni, per la tosse
SEDANO per depurare sangue e reni
ZUCCA per calmare vata

SPEZIE
Semi di cardamomo (da aggiungere a latte, frutta cotta,dolci)
Semi di cumino (da aggiungere ai cereali o alle verdure)
Semi di finocchio (per piatti dolci o salati)aiuta digestione e eliminazione gas intestinali)
Assafetida (al posto di aglio e cipolla) per ridurre il gonfiore causato dai legumi
Zenzero (riscalda, aiuta digestione,tosse,mal di gola)
Curcuma (per tutti i malanni di stagione)
Salvia (per rendere legumi e verdure più digeribili)

TISANE
Zenzero
Tulsi (basilico sacro)
Cumino+coriandolo+semi finocchio
Curcuma+zenzero+tulsi



AIUTI DA REMEDIA ERBE

Puoi chiedere direttamente a me il catalogo, provvedo direttamente all'ordine e alla consegna

https://www.remediaerbe.it/it/difese.html

https://www.remediaerbe.it/it/espetto.html

https://www.remediaerbe.it/it/spiritualita-floressenza.html

https://www.remediaerbe.it/it/crema-malva.html

https://www.remediaerbe.it/it/olio-contorno-occhi.html

https://www.remediaerbe.it/it/spirito-del-larice-le-gocce.html

https://www.remediaerbe.it/it/lozione-linfa-di-betulla.html

https://www.remediaerbe.it/it/gaya.html



NAMASTE

CRISTINA

Le informazioni sopra riportate si intendono come "consigli" che non sostituiscono nella maniera più assoluta le disposizioni mediche