VIAGGIO SCIAMANICO


Lo Sciamanesimo è una delle discipline spirituali più antiche al mondo.

La pratica dello sciamanesimo ci permette di conoscere il nostro vero Io, riappropriarci del nostro istinto naturale e scoprire i nostri veri talenti.
Essere sciamani vuol dire percepire se stessi come parte del creato e percepire tutto l’universo come estensione del sé.

Questa consapevolezza espande la mente e ci permette di vivere in armonia con il mondo e ricevere l’aiuto costante di spiriti alleati.

Con la pratica sciamani si accede al mondo dello spirito, una dimensione che può essere esplorata mediante uno stato alterato di coscienza indotto dal ritmo del tamburo o all’uso di canti, icaros o  mantra.

Questo metodo semplice e immediato espande la nostra percezione e ci permette di attingere allo sconfinato potere dello spirito per ottenere guarigione, aiutare il prossimo ed entrare in comunione con l’universo.

La guarigione sciamanica è una guarigione dell’anima perché parte dal presupposto che ogni disturbo, problema e disarmonia che si manifesta sul ciao fisico è il riflesso di un malessere interiore. 

A cosa serve il viaggio sciamanico?

Il viaggio sciamanico serve principalmente per ritrovare se stessi…Millenni fa, le tribù si rivolgevano allo sciamano perché era il trait d’union tra visibile ed invisibile: riusciva ad accedere ad informazioni di reale importanza per la sua gente, come dove andare a cacciare, quando seminare, quali erbe usare per guarire le malattie, ecc… Era un sacerdote, un guaritore, una guida.

Serve a capire chi siamo realmente, per ricevere un aiuto, una guida dai nostri Alleati : Animali di Potere, Maestri; per lavorare su di noi, per ricollegarci in modo consapevole all’universo,per evolvere, per cercare di liberarci dalle nostre paure e dalle nostre ferite, per vedere la vita da un’altra prospettiva e vivere con più serenità portando ciò che ognuno di noi ha di unico al mondo.Ci aiuta ad essere degli esseri umani migliori, in grado di sentire la forza dell’universo nella propria vita.

Il viaggio sciamanico è sicuro?

Dipende da dove vai e come ci vai. La realtà non-ordinaria, o invisibile, è fatta di molte dimensioni e molti mondi; alcuni sono popolati da Spiriti Alleati, compassionevoli, ed altri da Spiriti che è meglio lasciar in pace.

Nei primi tempi, è meglio fare pratica viaggiando nelle dimensioni più sicure dove si troveranno i propri Alleati, Animali di Potere o Maestri e dove il viaggio sciamanico può essere fatto senza troppe  preoccupazioni.

L’importanza del tamburo sciamanico

Essendo noi vibrazione materializzata, il ritmo ci cura, ci modula l’energia, l’umore. Il ritmo è di fatto quel che scandisce anche le nostre azioni e i movimenti degli organi interni.

Il ritmo è nel respiro e nel passo. La vita, nelle sue manifestazioni è ritmo, il canto lo è. 

Il suono del tamburo è meditazione pura, come peraltro avviene in molte pratiche psicofisiche che prevedono ad esempio la recitazione di mantra o il lavoro su certe frequenze che riarmonizzano il sistema nervoso. 

La forma del tamburo rappresenta l’universo.

I 3 mondi del Viaggio Sciamanico

Nella cosmologia sciamanica, il mondo è diviso in tre parti uguali: il Mondo Inferiore, il Mondo di Mezzo e il Mondo Superiore. Questi mondi sono spesso simboleggiati dall’immagine di un “Albero del Mondo”, che è comunemente indicato come “Axis Mundi” o “Asse del Mondo”. Le radici rappresentano il Mondo Inferiore, il tronco il Mondo di Mezzo, e i rami il Mondo Superiore – è la Trinità Sciamanica. Così come ogni parte dell’albero è necessaria ed uguale, ogni mondo è necessario ed uguale; ogni mondo contiene le sue vibrazioni, la sua saggezza e i suoi metodi di guarigione.

Durante un viaggio sciamanico, gli sciamani viaggiano tra questi 3 mondi per accedere alla saggezza e/o i metodi di guarigione di cui hanno bisogno, sia per l’individuo che per la comunità.

Mondo Inferiore

Contrariamente a quanto si può pensare, il Mondo Inferiore non è un mondo di ombre e di malvagi folletti, non è affatto uguale all’idea di “inferno” o degli “inferi”.

In realtà, il Mondo Inferiore è il mondo dell’invisibile interconnessione con la natura; è un luogo dove gli spiriti naturali, come i nostri animali di potere, vibrano e vivono. È dove è possibile comunicare e connettersi a tutti gli aspetti della natura, dalle montagne ai fiumi, alle lucciole.

Qui lo sciamano può anche incontrare animali come leoni e zebre, o creature mitologiche – e anche leggendarie.

Il Mondo Inferiore si dice essere un luogo di grande creatività e di guarigione sciamanica, è molto simile a un sogno, e rappresenta la mente subconscia.

Mondo di Mezzo

Il Mondo di Mezzo è la dimensione spirituale del nostro mondo fisico – è dove risiede la nostra realtà ordinaria cosciente/di veglia.

Tuttavia è anche possibile accedervi in stati non ordinari di coscienza; tali stati permettono il viaggio astrale e la visione a distanza. 
Il Mondo di Mezzo non ordinario è generalmente il luogo in cui uno sciamano entra quando lascia il suo corpo fisico; è in questo mondo che può comunicare con gli spiriti che vivono in questa realtà fisica, come gli spiriti della luna, delle piante, degli animali e degli esseri umani viventi.

Tuttavia, questo è anche il mondo in cui spesso risiedono le “anime perdute”, anime che non sono ancora riuscite a trapassare (popolarmente chiamate fantasmi). Infatti, a causa di queste anime perdute, c’è un intero settore di formazione sciamanica chiamato “accompagnamento al morente”, che mira ad aiutare queste anime a completare il loro processo di attraversamento. Il Mondo di Mezzo è un mondo difficile da visitare; gli spiriti che si incontrano e comunicano con noi in questo mondo non devono essere presi sul serio, perché qui non ci sono norme o standard morali.

In genere, però, gli Sciamani si recano nel mondo di mezzo per comunicare con la natura (dove di solito scoprono nuovi farmaci vegetali) per recuperare oggetti perduti e rubati, o per fare un lavoro di guarigione sciamanica a lunga distanza.

Questo mondo si dice essere il luogo del nostro ego o della nostra mente cosciente.

Mondo Superiore

Il Mondo Superiore, a differenza dei Mondi Terrestri Inferiore e di Mezzo, è astratto, fantasioso ed ultraterreno, spesso indicato come il “cielo”. Si compone di frattali, prismi e tutto ciò che è geometrico e caleidoscopico. Si può sperimentare un mondo verde smeraldo con piramidi costruite sulle nuvole e fili a spirale simili al DNA che si muovono nelle stelle nel cielo – qui si può trovare la propria guida spirituale.

In questo mondo, le guide spirituali appaiono in tutte le forme e dimensioni: giovani, vecchi, in forma divina, animale e una miscela di animale e umanoide. È dove si trovano esseri celesti e planetari, angeli e archetipi… Questo mondo è costituito da tutto ciò che si può – e non si può – immaginare.

Lo scopo principale per cui uno Sciamano visita il mondo superiore è quello di comunicare con le guide o insegnanti spirituali. Questi maestri aiutano gli Sciamani sia nella divinazione e nella guarigione; la loro saggezza arriva dal nostro Essere più vero e profondo, e ci permette di fiorire in armonia con noi stessi e con il resto del mondo. Gli sciamani vanno nel Mondo Superiore per raggiungere proprio questa saggezza; qui risiede lo Spirito puro, e a differenza di quelli del Mondo di Mezzo, questi spiriti possono – e devono – essere presi sul serio.

Questi insegnanti spirituali del Mondo Superiore sono incaricati di fornire agli Sciamani la loro educazione. Dal punto di vista degli spiriti, si tratta di una comunione importante, perché altrimenti non sarebbero in grado di raggiungere la realtà fisica o ordinaria.

Il Mondo Superiore è il luogo del nostro sé superiore – del nostro super-cosciente che permea tutto lo spazio e il tempo.

Come avviene una sessione di gruppo

Una tipica sessione di guarigione sciamanica può avvenire all’interno o all’aperto; ad ogni modo la zona deve essere tranquilla, sicura e rilassante. Si crea uno “spazio sacro“. Questo spazio è dedicato all’apertura, al lasciare andare e alla guarigione. Di solito vengono utilizzati oggetti come candele, incensi o palo santo (il legno sacro) bruciato, un altare con cristalli o pietre speciali e un posto comodo dove sdraiarsi.

La prima cosa che accadrà è una discussione molto aperta tra le persone e lo sciamano, per la quale lo sciamano manterrà una disposizione rispettosa e senza giudizio.

Successivamente, si passa al lavoro cerimoniale. In questo momento, le persone si sdraiano sulla schiena ad occhi chiusi, indossando un abbigliamento comodo e confortevole.

Si passa quindi al suono del tamburo mentre si visualizza un ingresso, entrando si decide se andare nel mondo superiore o nel mondo inferiore. Salire o scendere le scale e aspettare le visioni.

Ritorno in questo mondo…condivisione e radicamento.

Molto spesso vengono integrati dei rituali come ad esempio il rito del fuoco, o la ruota di medicina…


Conduce ;

GIANLUCA BALLARINI
Ricercatore, praticante studioso di Sciamanesimo da una decina di anni. 
Rispettoso delle diverse tradizioni socioculturali e sciamaniche sono grato ai Maestri, agli Uomini di Medicina, agli Sciamani, che ho avuto l’onore di incontrare fino ad oggi.
Sono onorato di poter condividere queste conoscenze, insieme a strumenti e tecniche ancestrali per ritrovare armonia, energia e gioia nella relazione con se stessi, con gli altri e nella propria vita.
Gong Master. Maestri: Don Conreaux “Baba Don”, Christof Bernhard, Aidan McIntyre,
Facilitatore certificato nella tecnica del respiro di David Elliott.


COSTO DELLA SERATA

€ 30.00

DALLE 20.30 ALLE 23.00 CIRCA